Annunci
Annunci

VOGLIO UNA MARATONA FRIENDLY

 

maratona-gattaHo sempre saputo di essere una donna piuttosto agonista, lo sport mi ha forgiato al “combattimento” sin dalla più tenera età, sicché, ogni nuova attività che ho intrapreso è stata all’insegna di dare il massimo, impegnarmi al massimo, cercare di ottenere i massimi risultati.

Va da sé che non sempre si riesce a raggiungere la vetta desiderata, anzi, direi che il più delle volte si cade e ci si avvicina solo lontanamente, ma il cuore appassionato, il desiderio di farcela, di mettersi alla prova, quelli restano sempre.

Anche quando lo scorrere del tempo, rende corpo e mente non più verdi.

Nel tango, ho messo la stessa, intensa, passione.

Mutatis mutandis, mi ritrovo ad affrontare le maratone con uno spirito diverso. Ben conscia che, oramai, sono più prossima a Villa Arzilla che alla discoteca sulla spiaggia e che dovrò abituare il mio spirito giocosamente ribelle e indomito al fatto che sono una “affascinante donna matura” (OH MIO DIO!!!!), ecco che, anche lo spirito della maratona che vado cercando è diverso.

Nella premessa che la qualità è e resta presupposto cardine per uccidere il proprio corpo di fatica nelle lunghissime sessioni di milonga, ebbene sento forte il bisogno di essere circondata da persone che abbiano un atteggiamento “friendly”, amichevole, accogliente e rilassato.

Che due maroni i competitivi/e che non ti guardano neanche in faccia e men che meno ti degnano di un cenno di saluto perché sono tutti proiettati ad accaparrarsi le grazie del di Lui/Lei ballerino/a, quelli che ti schifano perché ti etichettano come “low level” non degno del gotha tanguero che hanno in testa, insomma che due palle di tutti coloro che, una volta in più, dimenticano il sapore della festa, il piacere di rivedersi, di abbracciarsi, di riconoscersi o di conoscersi per la prima volta.

Allora, sai che c’è, me la sono goduta al massimo la mia maratona friendly, in quel di Brescia (che ci ho pure fatto la capatina da Iginio! ;-), dove ho goduto di quell’atmosfera gaia e gagliarda di gioia e di festa che la Grazia e il suo staff hanno regalato a tutti i partecipanti.

Ma che ve lo dico a fare, sarà che tra pochi giorni un nuovo giro di boa si avvicina ed io divento sempre più… matura!

STICAZZI!

Pimpra

 

 

 

 

 

 

 

Annunci

#BTM “OMMMMMMM EDITION”. CHISSA’ PERCHE’…

carry-om-largeTrascorrere il proprio genetliaco ballando “come/se/non/ci/fosse/un/domani” è, decisamente, il  modo migliore per esorcizzare il tempo che passa e le candeline che, per starci tutte, chiedono ormai una torta fuori stazza…

Per il secondo anno di fila ho scelto di trascorrerlo a Brescia, dove, se non c’è una nebbia da tagliare con il coltello, piove ininterrottamente. Ma tant’è…

Chissà perchè, la maratona di tango quest’anno portava la dicitura di “Ommmmmmm edition”. Me lo sono chiesta appena arrivata, durante tutte le ore che ho trascorso a ballare e anche adesso che sono tornata a casa.

Se prendiamo l’Om come concetto sacro, allora la ratio è evidente: una maratona “come dio comanda”. Ci sta tutta. Condivido e sottoscrivo.

Se Om sta per il suono sacro della meditazione che introietta in me la calma di un laghetto di m0ntagna su cui meditare, allora non capisco: ho vissuto e respirato e sudato così tanta energia, abbracci densi e armoniosi che, tutto mi hanno regalato, meno che uno stato di trance “rilassata”.

Ma che ve lo dico a fare, gli ingredienti giusti c’erano tutti, bella gente, quella sì Om nel senso di “divina”, splendidi ballerini/e con cui condividere gioiose tandas, atmosfera gaia  e informale, allegra senza strafare, piacevole sotto ogni aspetto.

I Tj della nostra festa ci hanno traghettato dentro lunghissime notti e in pomeriggi indiavolati di abbracci, con così tanta, potente, risonanza che, alla sottoscritta, è toccato cedere sul finale: i piedi non hanno retto più! … Che figuraccia! 🙂

Oggi la gabbietta mi sembra meno ostile e, gorgheggiando da dentro il mio personale Ommmmmmm, ricordo i bei momenti trascorsi e… sorrido ancora!

Ringrazio pubblicamente Grazia e tutti coloro che hanno contribuito a rendere tanto speciale il fine settimana appena trascorso!

Pimpra

IMAGE CREDIT DA QUI

DI TANTO IN TANGO. UNA COPERTINA DI ABBRACCI

brescia tango

Ma che ve lo dico a fare, oggi il lunedì mi è più pesto, duro e arrabbiato del solito. Aggiungiamoci che piove e il quadretto è fatto.

Però…

Non posso essere ingrata e ho obbligo morale di dire la verità, tutta la verità, sul fine settimana appena trascorso.

Torno da Brescia che, a dirla tutta, d’inverno – forse – non indossa il suo abito migliore. Ma, anche se per tre giorni ci fosse stata una nebbia da tagliare con il coltello e, non c’è stata- fortunatamente, avrebbe fatto ben poca differenza.

Perchè io ero nel posto più bello del mondo, dentro una sala da ballo, ma che dico, ero “in milonga”. Ma di quelle che durano di più, ero in “maratona”.

Chi non è un tossico di tango ma mi segue da un po’, già sa di cosa si tratta, perciò non mi dilungo in spiegazioni.

Ho ritrovato amici da ogni dove d’Italia e non solo, ne ho conosciuti altri, ho scambiato abbracci virtuosi, kilometri di pista, sudore, sguardi, risate. E, chicca su tutto, ho spento le candeline (non vi dirò mai quani anni ho compiuto, inutile chiedermelo) in una micro festa a sorpresa, organizzata dai miei amici del cuore che mi  hanno coccolata e sorpresa con il loro affetto.

L’atmosfera di questi tre giorni è stata esattamente “come deve essere” secondo me: tutti con tutti, belli e brutti.

Abbiamo ballato a riempirci il cuore di abbracci, di musica, di dinamica. Ci siamo presi pestoni ovunque, ma chi se ne frega, la frenesia a volte fa perdere il controllo, poi, un sorriso aperto con le sentite scuse e tutto passa. E si continua a ballare, a gioire, a sorridere.

Brava Grazia che ha organizzato questa festa, bravo il gruppo che l’ha aiutata, perchè, se una maratona riesce così bene, è sempre merito dei padroni di casa.

Ah sì, ne voglio ancora!

🙂

Pimpra

IMAGE CREDIT: PIMPRA_TS

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: