Annunci
Annunci

Ci sono persone, poi c’è Mina.

signore-in-vacanza

Ci sono persone che illuminano la stanza in cui si trovano.

Ci sono persone che ti conquistano per la loro brillante intelligenza.

Ci sono persone di cui ti innamori al primo sguardo.

Ci sono persone che sanno come rendere speciale ogni piccola cosa.

Ho una carissima amica che ha la fortuna di avere la mamma che fa parte di queste categorie. Una mamma che oggi porta con disinvoltura civettuola i suoi quasi 90 anni. Lo so, di una signora non bisognerebbe dichiarare l’età, ma ci sono casi come questo che lo meritano: 89 primavere sulla carta di identità, 75 anni l’età percepita.

Lei si chiama Mina e se non fosse volgare e truculento, un bel “bomba” le sarebbe  più appropriato.

Mina è una triestina purosangue, di quelle che rappresentano la bandiera dell’emancipazione come il vessillo più prezioso. Mina, in tempi non sospetti, nel lontano dopoguerra, è stata il primo ispettore capo di polizia femminile, quando le altre potevano sperare solo in un buon matrimonio per la loro realizzazione.

Mina è una donna al 100%, non assomiglia a una virago, a una di quelle donne che fanno di tutto per sembrare ed essere ciò che non sono. Lei è.

Scrivo tutto questo per raccontarvi come possa essere meraviglioso godersi la vita, in tutto e per tutto e non concedere al tempo e alla vecchiaia fisica sopravvenuta, di piegare la volontà di poter scegliere e di mettersi in gioco.

Lei e la sua amica coetanea, da brave triestine, volevano andare a Grignano a fare il bagno e a prendere il sole. Incuranti della canicola, incuranti della non più verde età, e volevano raggiungere lo stabilimento utilizzando ben 3 autobus.

La mia amica, unica figlia, per poco non andava fuori di testa, cercando di far ragionare la madre sul rischio di compiere tale impresa.

Certo impresa perché far uso dei mezzi di trasporto pubblici, oramai infestati di cittadini privi di senso civico, con il caldo che colpisce duro anche i più giovani, a quasi 90 anni, è come sfidare la sorte.

Ne parlavamo insieme a pranzo, quest’oggi, e mentre Alessandra esprimeva la sua preoccupazione per le idee della madre, io immaginavo la scena, vedendo me, alla stessa età (ci arriverò?), con la mia amica, due arzille vecchiette che, incuranti del mondo e dei limiti fisici dovuti all’età, organizzavano la loro giornata di mare.

La mente è volata via in un soffio e ho provato un senso di gioia e di pace così grande che ho capito, mi è stato chiaro perchè rischiare di cadere in autobus, di avere un colpo di calore e non so che altro.

Si chiama amore per la vita, amore per se stessi e per quell’Anima immensa che siamo che non conosce età, sesso, nazionalità, religione. E’ l’infinita Gioia che ci chiama, che fa muovere i nostri passi, tiene sveglia la mente e caldo il cuore.

Ho detto alla mia amica “Lasciala andare e se mai dovesse accaderle qualcosa, potrà dire di aver vissuto fino all’ultimo istante”.

E’ chiaro che è l’istante, oramai, la sola ragione che conta.

E poi, una triestina non può avere il guinzaglio al collo e men che meno la catena.

OLE’! Evviva la vita!

#STICAZZI!

Pimpra

IMAGE CREDIT DA QUI

Annunci
Articolo precedente
Articolo successivo
Lascia un commento

8 commenti

  1. Antigone_Woland

     /  21 giugno 2017

    Ne servirebbero di più di queste donne, servirebbe che queste donne insegnassero a quelle più giovani la loro esperienza, tramandandola…

    Sono d’accordo con la tua idea di lasciarle fare. Io sono certa che non accadrà niente di tragico perché riconosco nella descrizione di Mina, mia nonna materna, una che, finché non ha avuto l’ictus, quando si metteva in testa una cosa non c’era verso di farle cambiare idea. E io so che quando ti metti in testa di fare una cosa è perché sai di poterla fare.

    Da come la descrivi è una donna arzilla ed attiva, quindi non credo che se ne stia ferma in casa a vegetare sotto il climatizzatore ma invece esca…faccia cose (mia nonna fino a 80 anni puliva di fino TUTTA la casa con tanto di cera sui pavimenti… e andava a fare le pulizie a casa d’altri per rifocillare la pensione)… inoltre penso che per la giornata al mare abbiano previsto di partire presto e tornare verso sera… quando il calore del sole non è poi così terribile (io non ho climatizzatori ma solo due ventilatori e al mattino mi devo coprire col lenzuolo perché fa freschetto)…. e in caso di persone incivili… un ‘ex ispettora capo della polizia non credi che sappia come gestire la cosa? Se c’è qualcuno che, purtroppo, è avvezzo alla criminalità e sa trattarla è proprio lei!

    Comunque queste donne ti insegnano molto… ti insegnano ad amare davvero la vita!

    Liked by 1 persona

    Rispondi
  2. La mia nonna di Monfalcone (per i lettori di fuori zona preciso che è provincia di Gorizia ma sta sul mare a un tiro di schioppo da Trieste) è morta in giardino, mentre si riposava dopo aver innaffiato i suoi fuori (rigorosamente con un annaffiatoio riempito da lei ad una pompa a mano)
    Sarà questione di aria?

    Liked by 1 persona

    Rispondi
  3. Dimenticavo ….a 90 anni

    Liked by 1 persona

    Rispondi

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: