IL POTERE DEL VELO. (post per sole donne)

Testosterone brilla nei campi e per il supermercato esulta…

Sono in fila, dinnanzi a me un bel giovinetto, meno della metà dei miei anni anagrafici, alto e slanciato con quegli occhi dall’inconfondibile taglio etnico, neri e penetranti, si gira a guardarmi e, con nonchalance e un buon italiano, commenta il meteo odierno affermando di non ricordare un maggio tanto freddo.

Da sotto la mascherina sorrido e rispondo che è già capitato.

Il rullo è fermo e fa buon gioco per un aggancio più ardito “Vai a Barcola dopo?”

“No, magari!” rispondo.

“Peccato!” e mi sorride.

Il nastro inizia a scorrere ed è il suo turno, mette la spesa nei sacchetti e ne approfitta per guardarmi e salutarmi.

Da sotto la mascherina penso che forse non si è accorto che potrei essere sua madre. E con questo pensiero ma divertita dalla situazione, torno alle mie faccende.

MORALE:

  1. è evidente che non sono una Ggiovine che si sarebbe malamente incavolata per l’interlocuzione proposta dallo sconosciuto. Il lieve approccio verbale, mi ha fatto sorridere e basta.
  2. La mascherina però merita una considerazione in più.

Al rientro in ufficio, passando a lavarmi le mani, ho notato come, oggi in particolare, il trucco sugli occhi, ne accentuasse forma e colore.

Nascondendo tutto il resto del volto, a un’occhiata veloce, l’età anagrafica poteva risultare più liquida.

La mente è volata molto indietro nel tempo, a quando, vivendo in Medio Oriente, le donne velate erano parte del paesaggio.

Ricordo perfettamente come i loro sguardi fossero più potenti di quelli delle donne occidentali, più misteriosi, carichi di promesse, caldi.

Ecco che mi torna la spiegazione del perché un giovanissimo uomo potesse aver avuto la curiosità di parlare con me: la mascherina ha creato mistero.

Saprò farne buon uso.

Pimpra

IMAGE CREDIT DA QUI

VOGLIO IL PAPA’ … ???

esempio

Nei brevi momenti di pausa della giornata, capita di rilassarsi leggendo amenità varie sui quotidiani di  molteplici siti.

Sono rimasta colpita, in particolare, da un articolo (qui)  che riguardava le nuove relazioni moderne, ovvero quelle a grande differenza di età.

Lui tra i 50 e i 60 che “amano” donne di 20-25 anni più giovani. Giovani donne che cercano un lui molto, molto più agé.

Spaccato sociale che dichiara questo: uomo benestante e/o “arrivato”, con un passato alle spalle chiuso, con tanta voglia di godersi finalmente la vita, di essere stimolato da energia/corpo/mente freschi: donna giovinetta.

Lei: giovinetta di belle speranze che vede/cerca/trova il papà di turno. Benefici: protezione, status sociale, coccole, vizi a profusione, zero resposabilità.

E come dar loro torto? Sulla carta funziona da dio.

In fondo i 50-60enni di oggi, se ben tenuti, possono spacciarsi per uomini ben più giovani, con il benefit dell’esperienza e della pillola blu (aiuta ad essere performanti anche a letto), possono davvero giocarsela con quelli più giovani e, perchè no, anche uscirne vincenti.

Per le ragazze/giovani donne è tutto un vantaggio, fino a che l’età del lui non aumenta in modo esponenziale (ma di solito chiudono la relazione prima), evidenziando le ovvie differenze, almeno genetico/biologiche.

E quindi mi chiedo: io lo vorrei un “amante/papà” al mio fianco?

E ci ho pensato, pensato seriamente e, ancora una volta, la risposta che mi sono data testimonia di quanto sia “fuori dai tempi moderni”, perchè per me è no.

Non sopporterei di avere al mio fianco un uomo agé, insomma molto più grande di me, diciamo con una differenza dai 15 anni di più in su.

Non lo sopporterei.

Tutta quella “protezione”, le coccole “smielate”, i regali, i “ci penso io”, i “non ti preoccupare”, “andiamo a fare shopping”, “ti serve qualcosa”, “vuoi un aiuto”, “stasera ti porto a cena fuori”, “prepara la borsa, questo week end andiamo via” … ecc. ecc.

No, non lo sopporterei.

Un amante/papà che mi guardasse negli occhi vedendo la donna più bella e affascinante del mondo, quella che ha sempre cercato senza trovarla mai e che sono io, quella che gli ha colorato di nuovo la vita e che lo fa respirare gioia.

No, non lo sopporterei.

Vuoi mettere un coetaneo o giù di lì, infestato di problemi, senza intenzione di costruire un progetto insieme, terrorizzato alla sola idea di impegnarsi in qualcosa con te, preso solo da se stesso, dalla sua vita, dal suo lavoro, dai suoi cazzi?

Non potrei decisamente pensare a nulla di diverso per me.

Il mantra è “arrangiarsi”, “non dipendere”, “realizzare qualsiasi cosa, da sola, con le proprie manine sante”, “non lamentarsi”, “non piangere”, “non avere botte di ormoni”, “non rompere i coglioni”.

Sì, decisamente preferisco questo.

Perchè a me, la culla, non l’hanno preparata nemmeno da piccola.

E, anche crescendo, non ho imparato a farmi furba.

[Sticazzi- miei]

 

Pimpra

 

 

 

 

  • Pimpra su Instagram

  • TAG

    2013 2014 2015 2016 abbraccio amiche amici Amici e amiche amicizia Amore amore Andar per maratone Andar per Milonghe Anima anno nuovo vita nuova anta e ribalta attimi Attimi belli Attualità Bel Paese blog blogger CARATTERE cazzate cronache dal mondo panda dare tempo al tempo Dillo alla zia Pimpra di tanto in tango Donne e valigie emozioni fine settimana Friuli Venezia Giulia gabbietta immagini incontri i saggi consigli di Nonna Papera Italy Lavoro milonga momenti Mondo Panda mondo panda mondo tango Natura pausa pranzo pensieri pensieri leggeri pensieri sparsi pensiero positivo PERSONALITA' Pimpra milonguera riflessioni RISVEGLI Salute e benessere Senza categoria Società e costume Sport STICAZZI sticazzi storytelling Tango Tango argentino tango marathon Tango milonguero tango trotters tanto tango Trieste Uncategorized uomini e donne vecchiaia in armonia Viaggi viaggio Vita di coppia vita moderna vita sui tacchi a spillo
  • Archivi

  • ARTICOLI SUL TANGO

    Se cerchi gli articoli che parlano di tango cerca "di tanto in tango" nel banner TAG o fai la ricerca nel bannerino CATEGORIE
  • I post del mese

  • LA TRIBU’

  • Pagine

  • Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: