IL SOGNO

Sospesa tra cielo e mare

Mi dicono che tra poco, finalmente, il pesante Saturno si porterà in una posizione più favorevole per la sottoscritta, alleggerendo di molto il percorso esistenziale.

C’è tanto da apprezzare e da godere e da imparare, non si smette mai. Basta avere la voglia e mantenere lo sguardo aperto sul mondo.

Stanotte ho fatto un sogno di cui ricordo solo la parte conclusiva: nuotavo al largo della costa di Barcola, insieme a mia madre (che ero io), a me stessa e a mio fratello piuttosto piccino (ma ero io pure lui). L’acqua aveva quel color verde piombo che tanto mi inquieta perché è impossibile scorgerne il fondo.

A un certo punto, nel nostro raggiungere la riva, incontriamo una grande lamiera rossa, spessa, come una grande porta rettangolare dotata di una maniglia, mia madre la scosta, io mi inquieto vieppiù e dico a mio fratello di evitarla. Mia madre per spostarla la tocca e questa grande lama di ferro pesantissima (a livello fisico è impossibile potesse galleggiare!) inizia piano piano a inabissarsi, capisco che è solo una questione di equilibrio nel rapporto superficie piana- spinta dell’acqua, così, con una vigorosa pressione ne modifico ulteriormente l’assetto e questa si inabissa.

Eliminato l’ostacolo, nuoto con più foga per raggiungere la riva, aiuto il fratellino mentre mi assicuro che mia madre sia anch’essa giunta a riva.

Lei ha mantenuto la calma godendo della nuotata e così ha raggiunto la costa, mentre mio fratello ed io abbiamo affrontato il turbamento di quell’acqua scura, torbida, e la sorpresa di quella lamiera rossa di ferro, quasi una porta.

Se fossi una psicoanalista andrei a nozze con questo sogno ma siccome non lo sono, in attesa di comprenderne il significato, trattengo la bellissima sensazione di quando sono uscita dall’acqua, completamente nuda, di quando è uscito mio fratello, nudo anche lui, e del modo bello in cui ho guardato il mio corpo pensando “E’ merito suo se il mare oscuro non mi ha inghiottita”.

Tutto questo per dire che, in qualche modo, se ne esce sempre e mi pare un gran bel pensiero positivo!

Pimpra

Foto mia.

BRIVIDI DA PALCO

Una polaroid che rimane stampata nelle pagine del cuore. Ricordo vivido di momenti indimenticabili. Ossimoro perfetto di come l’adrenalina, a volte,  renda la nostra vita, perfetta.

Un giro di palcoscenico mentre l’orchestra suona il tuo pezzo, per provare lo spazio dove muoversi, dove far uscire dal corpo la musica che entra nelle orecchie e scivola verso il cuore.

Le luci abbagliano e non te lo aspetti, un limite nero alla base dei tuoi piedi dove la tua terra finisce e c’è il nulla, il mondo che non vedi, lì dove siederà il pubblico.

Emozioni che non si dimenticano, atmosfere, suoni, musica, colori .

I tre minuti del brano scivolano via e hai già finito, rimani un po’ stordita  perchè è un viaggio dentro di te.

Ripeti la magia e ti piace ancora di più.

Si spengono le luci dei fari taglienti, non vedi  più il perimetro nero che ti risucchia. Lontane percepisci le anime curiose che immagini solamente.

Ci sono solo note, un corpo che si lega al tuo dentro un momento lontano dalla realtà.

Hai imparato a ballare per te e godi di ogni istante che la musica ti regala, che quello speciale abbraccio sa offrirti.

Ed è un attimo che ti risvegliano gli applausi, allora sai che non è stato solo un sogno…

Pimpra

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: