LOGICHE TRASVERSALI

iron maiden

Trieste è, o per lo meno era, una città tutto sommato abbastanza tranquilla. Un numero di popolazione adeguato alla sua geografia marittimo carsica, popolazione per lo più diversamente giovane, respiro ancora, tutto sommato, abbastanza mitteleuropeo.

Certo le “invasioni barbariche”- e non scatenatevi su questa definizione che vuole essere leggera e scherzosa- , stanno cambiando il volto della città anche in questo estremo lembo del nord est. Ma, pare, siano questi i tempi moderni e non ci si possa opporre.

Al mattino, prima di entrare al lavoro, in quella che da anni definisco la mia “gabbietta”, faccio sempre lo stesso percorso: parcheggio lo scooter sull’albero (metafora per dire che, in zona piazza Unità, è impresa quasi impossibile trovare un posto regolamentare pure per un due ruote), mi reco alla Torrefazione Triestina, dove il caffè, per il mio palato viziato, fa moderatamente orrore ma i banconieri che ci lavorano sono così gentili che anestetizzo le mie esigentissime papille gustative e sorseggio, tra due chiacchiere, l’immonda bevanda.

Piazza Cavana è davvero una piccola agorà, i cui richiami antichissimi, trasudano ancora dalle case medievali rimesse a nuovo dai progetti comunitari. Certo, manca la puzza di umidità e di piscio che era la marca odorosa della vecchia Città, ma, diciamocelo, è meglio come è diventata oggi. Si sono perse pure le puttane, questo va detto, che in strada, attendevano gli attempati clienti e, come questi ultimi, vecchie pure loro , probabilmente il Tempo se le sarà prese.

Ogni mattina incontro gli stessi volti, persone a me sconosciute e pur note , ognuna con il suo andare, chi veloce chi quieto, a dar corso alla loro giornata.

Questa è Trieste.

Poi, un giorno, annunciano un grande evento che, a ben guardare, sembra incredibile possa svolgersi proprio qui. Non dimentichiamo che siamo la città del “no se pol” e forse per questo “non fare” che viene mantenuta nel tempo quella particolare allure che tanto piace ai foresti.

Sbarca un gruppo musicale che, ai tempi della mia gioventù faceva furori, gli Iron Maiden , e che vanta ancora una schiera di fedelissimi tra giovani e meno giovani.

Loro, i musicisti, sono un collage di anziani signori con criniere tenute su dalla lacca e volti fossilizzati da quintali di silicone, eppure se la ridono, dormendo sogni d’oro sui miliardi guadagnati in 40 anni di carriera.

Ma ciò che ho trovato di più esaltante è vedere, in questi luoghi a me così cari e familiari, riversarsi il popolo dei loro fan: agguerriti, a caccia del posto migliore fin dalle prime ore del pomeriggio, sotto una canicola devastante, tutti vestiti di nero, come da copione.

T-shirt cattivissime, scritte e grafismi inquietanti, ventri grandi come otri di birra, barboni, occhialini, tatuaggi cattivissimi ovunque.

E poi li osservi meglio e in quei signori attempati, rivedi tutta la loro sfiorita giovinezza, gli anni verdi oramai lontani, ma il desiderio che rimane vivo sempre, la vita che continua a pulsare anche se, il corpo si è fatto decisamente pesante e mostra i segni tutti della vita trascorsa.

Ma di bello c’è che con i padri ci sono i figli e le loro compagne, ci sono le mogli che, poveracce, sono pure peggio dei loro partner, perché, il metallo pesante, su una signora, conferisce ancora più anni di quelli registrati all’anagrafe.

A me questa umanità che segue il sogno della sua gioventù piace, e piace tantissimo, anche se la loro musica è orrore per le mie orecchie. Però li rispetto, e spero che, questo piccolo passaggio in questa piccola città del nord est possa risvegliare in tutti loro, una nuova scintilla…

Pimpra

 

MUSICA MATERICA – ORQUESTRA EL AFRONTE

Meno male che l’ho fatto! Che non mi sono fatta prendere dalla pigrizia del divanetto della domenica sera.

A volte ci vuole coraggio, per alzarsi, vestirsi, prendere la macchina e andare.

Un concerto che valeva tutto il sonno che ho dovuto combattere al ritorno, distruggendomi lo stomaco di caffè e coca cola per non addormentarmi alla guida.

Orquestra El Afronte, location circolo arci Zoo di Udine. Atmosfera straordinaria per concertisti di gran talento.

Dopo averli ascoltati ho deciso che nella prossima vita farò la musicista.

Terrò anche io tra le braccia e toccherò l’oggetto del mio piacere che vibrando all’unisono con me produrrà musica celestiale, colorata, violenta e sublime.

Non potevo staccare lo sguardo dai musicisti, la mimica espressiva dei loro volti in estasi, rapiti e ispirati dentro melodie che facevano cadere dalle loro mani sul pubblico presente.

Il contrabbasso, stimolato da tocchi ora delicati ora penetranti,  rispondeva con mugulati e sospiri e rantolii quasi umani. Ebbra di tutte quelle note, delle vibrazioni melanconiche e vigorose che riempivano la sala, godevo di quei suoni meravigliosi, tanto vividi quanto reali e potenti.

Musica che diventa materia che ti tocca.  Che schiaffeggia e accarezza con potente voluttà, dolore e trasporto.

Non è stato  solo un concerto ma uno spettacolo. Gli sguardi dei musicisti che si rincorrevano per la scansione dei tempi e dei ritmi, delle entrate dell’uno o dell’altro strumento, i movimenti del corpo all’unisono come dentro una danza.

I bandoneonisti che schiaffeggiavano il pavimento con il tacco per esprimere ancor più la potenza di taluni passaggi musicali e la voce del cantante che si ergeva potente e a tratti roca, sulla forza animata degli stumenti.

E’ ovvio che,  una volta a casa, l’adrenalina sia uscita tutta insieme e non potevo riposare il corpo che, ancora, era scosso da tanta energia.

Orquestra El Afronte, se vi capita, non perdete l’occasione per ascoltarli.  Il resto, è noia.

Pimpra

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: