Annunci
Annunci

SONO FINITI GLI ABBRACCI

image credit: Claudio VisintinIMAGE CREDIT: Claudio Visintin_Borgoricco

Torno da una milonga – graditissima – dove ho finalmente, liquefatto la suola delle scarpette.

Musica dal vivo strepitosa, la bella atmosfera di un luogo familiare, i sorrisi degli amici che non vedo oramai quasi più e il tango che amalgama, mixa la bella gente che partecipa alla festa.

Ho ballato con una variopinta sfumatura di umanità maschile, da quelli malati di tango a coloro che lo vivono in una dimensione meno eccessiva, dagli esperti a quelli che hanno meno chilometri sulle gambe.

In tutto questo bel caleidoscopio, sono stata molto colpita da un – nuovo per me –  fenomeno.

Sono finiti gli abbracci.

Questi uomini, non sanno o non vogliono più “abbracciare” la ballerina. Ora, non intendo dilungarmi con un lunghissimo pippolotto su cosa significhi “abbracciare”, il web è popolato su discorsi a tema e non mi aggiungerò al coro.

Per me è stato un piccolo choc, una grande delusione, in primis “esistenziale”.

Se danzare, nella moda corrente, significa porgere il tocco di una mano, un abbraccio finto o virtuale in nome di una dinamica che si vuole il più possibile vorticosa, ecco, c’è qualcosa che non mi quadra più.

Non passa l’emozione. E, anche il tango, diventa una speciale “performance” dentro una sorta di “trance ritmica” nella quale le altre sfumature vanno perdendo colore.

Ricordo nel mio viaggio in Argentina dello scorso anno che i maestri insistevano molto sul punto “abbracciami”, dopo che – a mio modo di vedere europeo – non era immaginabile abbracciarli più di così… invece il modo c’era, e, nell’esatto istante in cui loro “abbracciavano” me, passava una speciale scintilla che illuminava il tocco e il tango si animava di magia.

Io non ballo con gli argentini o, se lo faccio, accade troppo di rado, io ballo con i miei conterranei. I miei conterranei non mi abbracciano più e, quando a me viene naturale di farlo, capisco che non è più cosa gradita.

E mi chiedo:

  • sono vecchia e si sentono a disagio?
  • abbraccio in modo troppo intenso e loro non “tengono botta”
  • copro la loro visibilità e/o credono che, così facendo, metta le radici nel pavimento e non mi muova più?

So che resteranno interrogativi senza risposta.

Nel frattempo devo solo decidere se uniformarmi o mantenere viva la mia passione per questa danza straordinaria, continuando – nell’abbraccio –  a mettere la mia anima a nudo. Perchè farlo, a me, non fa paura…

STICAZZI.

Pimpra

 

Annunci
Articolo precedente
Articolo successivo
Lascia un commento

24 commenti

  1. Pinzalberto

     /  19 maggio 2014

    Non ti preoccupare, un abbraccio stretto stretto te lo do io.
    In un post una blogger raccontava della coinquilina Argentina. Si lamentava del maschio italiano, in pratica ci trova un po’ freddini, per non dire di peggio. Abituata all’argentino che ti salta addosso al primo appuntamento, in Italia si ritrovava imbarazzantemente quasi ignorata. Non siamo più abituati alla passione, nemmeno nel ballo, vediamo solo il contenuto, l’immagine, la competizione. Egoismo emotivo.
    Invidio questa tua passione per il Tango, ma sono troppo pigro per dedicarmi al nuovo.

    Mi piace

    Rispondi
    • Se la pensi così, credimi, faresti la gioia di tantissime ballerine… 🙂

      Mi piace

      Rispondi
    • Il tuo abbraccio me lo prendo! 🙂

      Mi piace

      Rispondi
    • Eppure sento un sacco di donne che, invece, si lamentanto proprio del fatto che gli uomini pretendono “intimità” già dal primo incontro. Proprio incontentabili, queste donne!!

      Mi piace

      Rispondi
      • Bah… forse dipende dal livello del ballo. Certo, se sei principiante e ancora tutta presa a cercare di capire come funziona e dove va il tuo corpo, posso capire… ma quando già sai… dove sta il divertimento? Nell’abbracciare un iceberg? Piuttosto cambio specialità! 😉

        Mi piace

  2. che peccato, e dire che l’abbraccio è sempre delizioso (e non solo i biscotti del candido mulino)

    Mi piace

    Rispondi
  3. Teacher

     /  19 maggio 2014

    Ma come?? Niente più abbracci? E cosa si fa adesso, tra un corpo e l’altro ci metti un tomo pesante? Dov’è finito il calore dei due corpi che unendosi divetavano uno solo? Vabbè che ho appeso le scarpette al chiodo da un po di anni, ma io almeno, abbracciavo abbracciavo 🙂

    Mi piace

    Rispondi
  4. Potresti sempre prvare con Banderas, sempreché ballara sino all’alba alla festa del mulino e parlare con la gallina non lo abbiano sfiancato del tutto (un po’ imbolsito lo vedo già)

    Mi piace

    Rispondi
    • Fedifrago… hai decisamente poca stima della sottoscritta… ti garantisco che, in giro per l’Italia, c’è più di qualche ballerino felicissimo di farsi una tanda con me… 😉

      Mi piace

      Rispondi
      • Era una battuta, dove la cattiveria era rivolta a Banderas.

        Ho due amiche che insistono da anni per portarmi a ballare il tango con loro, ma semmai dovessi finalmente cedere, ti assicuro lo farei con te 😀

        Mi piace

  5. Fedifrago, sei un arci ruffiano ma, sappilo, accetto la “sfida”! 😉

    Mi piace

    Rispondi
  6. gibalda

     /  19 maggio 2014

    Devi aver ballato con quelli che in palestra si isolano con le cuffiette… In quest’era tecnologica non si è più abituati al contatto fisico. Sai che i giovani si imbarazzano quando li abbracci? Quindi non è solo un problema di tangueri timidi, ma è il prodotto della “società” della vicinanza per finta, quella solo a parole, dei “mi piaci” su fb…

    Mi piace

    Rispondi
    • @Gibalda… che tristezza, mi dico, che tristezza… ma se il contatto è così “ostico” è molto meglio che questi uomini cambino specialità, il tango, non fa per loro. Decisamente… 🙂

      Mi piace

      Rispondi
  7. L’abbraccio è uno dei gesti più erotici che io conosca. Molto più del bacio. Molto più del sesso. L’abbraccio è come il desiderio. È l’istanziazione del desiderio. E cosa sia e cosa significhi il desiderio lo esprime bene questa canzone http://youtu.be/bqJid-G9AjM

    Se anche il tango sta perdet l’abbraccio allora vuol dire che non è più emozione, ma sta scivolando a diventare solo sport, competizione, …

    Mi piace

    Rispondi
  8. flavio

     /  27 maggio 2014

    ricordo ancora il nostro primo abbraccio risalente a qualche settimana fa…ci sono certi abbracci che si memorizzano..sembra incredibile ma quando te lo spiegano nn capisci poi lo vivi e ci rifletti sopra lo percepisci come una piccola nuova nascita…

    Mi piace

    Rispondi

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: