Annunci
Annunci

L’AMORE E I SUOI MODI

Rosa rosaeCi penso da un po’ e continuo a capirci poco e niente.

Si fanno continuamente gli stessi errori di cui ci accorgiamo sempre troppo tardi.

E ci lamentiamo, ci lamentiamo che sul fronte “amore” si combatte come in trincea e che la guerra è una brutta cosa, specie se è di posizionamento.

L’altro diventa il nemico da battere e per farlo si usano tutte le armi, convenzionali e non. Ci si difende con corazzate di orgoglio, si sganciano  veleni vari, si fanno le imboscate dentro i silenzi.

Amare diventa farsi del male. Che poi, se stiamo sempre in guerra con il prossimo, più che fare del male a lui, lo facciamo a noi stessi.

Guardando in silenzio il mare  cerchiamo di capire dove si è rotto l’ingranaggio del sistema perchè, quasi nessun umano è fuori da questa guerriglia, tutti combattiamo, prima o poi, la nostra guerra. E la guerra dell’amore è un ossimoro che provoca conati di vomito. E’ troppo stupido.

C’è che bisogna sapere che l’altro non lo cambi, e nemmeno noi. Allora vale la pena di cercare e/o illudersi di trovare qualcuno che sia affine. Nel suo bene, nel nostro male e viceversa.

Il problema, molto spesso, come saggiamente evidenzia l’amico A. P., non risiede nel sentimento dell’amore, quanto piuttosto nel modo in cui ognuno è capace di manifestarlo/viverlo. Insomma nel “comportamento d’amore, nel modo di amare”.

La differenza è sostanziale.

Un esempio per tutti: una lei gelosissima che non può accettare l’idea che il partner possa avere una piccola tranche de vie che sia solo sua, uno spazio privato all’interno della relazione. Uno spazio nel quale risiede il rispetto, la stima profonda e piena dell’altra persona ma, allo stesso tempo, una sfera di soggettività personale. E’ quasi certo che, prima o poi, comportamenti amorosi così distanti, mineranno il rapporto, la relazione.

Meglio sarebbe se la lei del caso incontrasse un lui con la stessa visione, il rapporto sarebbe una claustrofobica gabbia dove però i due, probabilmente, troverebbero un buon terreno di intesa.

Senza contare poi che l’amore dura finchè non finisce, che l’amore è solo un’idea immaginaria, che nessuno vuole o è più capace di stare in relazione ecc ecc.

MORALE DELLA STORIA:

  • il cinico preferirà la solitudine. E qualche scopata con amici/che con benefit
  • il pauroso annullerà se stesso, le sue idee, la stima di sè per paura della solitudine
  • il casanova e la zoccola, non si porranno mai il problema (beati loro)

e per tutti gli altri?

STICAZZI AMARISSIMI.

Ci vuole tanta fortuna, rispetto e dignità per se stessi e per il proprio valore e il coraggio di cercare la verità e di guardarla in faccia, costi quel che costi.

Per tutto il resto, c’è MasterCard…

Pimpra

Annunci
Articolo precedente
Articolo successivo
Lascia un commento

13 commenti

  1. In un qualsiasi rapporto mai dimenticarsi di se stessi … certo è che la botta di culo nel trovare la persona giusta non deve mancare!
    buona serata cara Pimpra
    Manu

    Mi piace

    Rispondi
  2. efeso32

     /  21 maggio 2014

    Ci sarebbe da scrivere un trattato partendo dal tuo articolo, dico solo che la fortuna ha un ruolo grandissimo.

    Mi piace

    Rispondi
    • Dici bene Efeso… un trattato… e poi chissà se saremo comunque capaci di imparare e di agire comportamenti virtuosi… chissà..,

      Mi piace

      Rispondi
  3. Teacher

     /  22 maggio 2014

    Nella morale della storia.. tu sei la paurosa, giusto?!

    Mi piace

    Rispondi
  4. Sì certo, quando amo posso fare di tutto per l’oggetto del mio amore, anche annullare me stessa.
    Poi, però, arriva il momento in cui mi risveglio.
    Vedo precisamente lo scenario, la persona, quanto ho anteposto lei, i suoi bisogni, i suoi desideri, i suoi problemi, le sue idee, la sua vita a me stessa.
    Apro gli occhi, mi rendo conto e, da quel momento, non ce n’è più per nessuno.
    Anche la solitudine non mi spaventa più perchè ritrovo la piacevolissima compagnia di me stessa… 😉

    Mi piace

    Rispondi
  5. Pinzalberto

     /  22 maggio 2014

    A un certo punto bisogna arrendersi, mettersi a nudo, usare la biancheria intima come una sorta di bandiera bianca da sventolare. Resettare e ricominciare. Casanova? Sarebbe più appropriato “pezzo di m….”

    Mi piace

    Rispondi
  6. Resettare e cominciare un nuovo percorso. A volte è l’unica possibilità che resta…
    Un Casanova dichiarato non è mai un pezzo di m. Lo è chi finge di non esserlo invece….

    Mi piace

    Rispondi
  7. valeria

     /  23 maggio 2014

    Anche la Norwood sarebbe in difficoltà in un paio di righe su un blog 😀
    Credo che la gelosia sia una distorsione dell’amore ma di certo non possiamo lamentarci se anche dentro di noi non pratichiamo un cambiamento, cosa in età matura difficilissima.
    Eguali dimensioni parallele, esterne alla coppia, possono invece rafforzare un rapporto, forse anche incrementandolo di narrazioni interessanti mentre, con le stesse visioni, risulterebbe presto monotono e più a rischio.
    Te lo scrive una tua follower che ha lottato con le unghie e i denti l’insicurezza, la paura dell’abbandono e menate varie dettate dalla gelosia ( linea molto sottile con la possessività).
    Poi la vita ti mette alla prova, ti ritrovi dall’altra parte della commedia e capisci che non sai più che entità superiore interpellare per farti aiutare in spiegazioni, giustificazioni e disguidi.
    Non è necessario trovare intesa in una claustrofobica gabbia; è fondamentale affrontare le circostanze parlando con il cuore e, solo se è vero sentimento e c’è intelligenza, si possono sollevare le sorti di qualsiasi relazione… Resettare e ricominciare il medesimo percorso amoroso…
    Esiste anche il combattente!
    Nelle mie passate documentazioni, una citazione mi ha fatto da portavoce dell’esperienza vissuta in entrambi i ruoli, ed entrambi molto sofferti ma ancor più formativi:
    Come geloso, io soffro quattro volte: perché sono geloso, perché mi rimprovero di esserlo, perché temo che la mia gelosia finisca col ferire l’altro, perché mi lascio soggiogare da una banalità
    Roland Barthes

    Mi piace

    Rispondi
  8. Cara Valeria, benvenuta!

    Ho particolarmente apprezzato la citazione di Barthes… e chi se lo immaginava che il mio semiologo preferito soffrisse di tali pene d’amore???
    E, con l’intelligenza che lo contraddistingue, ha saputo offirci una polaroid molto divertente su uno dei “peccati” d’amore più diffusi… 😉

    Chi non è MAI stato geloso, scagli la prima pietra… 😉

    Mi piace

    Rispondi

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: