Annunci
Annunci

UNA MARATONA “NATURALE”

Bucolica

Se l’estate inizia con queste premesse, credo sarà una di quelle da mettere negli annali.

* * *

Ho trascorso un fine settimana in terra di Romagna, nell’amena Conventello, nella tenuta di una pasionaria del tango che ha organizzato un’impresa titanica.

Cristina, è una donna dalle mille sfumature, dotata di un’energia, di una passione, di una visione del mondo e delle cose che riversa in tutto quello che fa.

E, stavolta, ha fatto tutto per noi, per i suoi 200 e più ospiti, bambini e animali a seguito, a casa sua e della sua numerosa famiglia.

Tutti insieme, appassionatamente.

E’ la prima volta che partecipo a una maratona bucolica, nel pieno della campagna ravennate, tra i campi di grano e di altra verdura che non ho saputo riconoscere.

Ho viaggiato da sola, guidando un camper mostruosamente grande per me che sono piccina, facendo una sorta di viaggio iniziatico. E così è stato.

Parcheggiare la mia casa semovente sul grano trebbiato di fresco ed entrare dal cancello di ferro della tenuta di campagna, accolta dalle note soavi del tango e dal sorriso aperto del padrone di casa, mi hanno connesso immediatamente a una dimensione magica e intima che è durata per tutto il week end.

La pista sovrastata da randa e genova di una barca a vela che forse non c’è più. Poco più in là, nascoste sotto gli alberi, l’accampamento delle tende. Nel mezzo i cavalli, a lato galli e galline. Tutto immerso in un’ambiente bucolico, senza artifizi, senza inutili orpelli. Un concentrato di natura.

Mangiare seduti sulle balle di fieno, su un tavolo lunghissimo, con tutti gli amici intorno. Assaporare cibo genuino e fresco preparato dalle manine sante della padrona di casa e dallo staff dei suoi amici/che che l’hanno supportata in questa avventura, sono esperienze che si ricordano.

E, sapete che c’è? era tutto perfetto, di quella perfezione che non si può immaginare, perchè fatta di elementi veraci.

Alle 4.30 del mattino, mentre la pista scottava ancora per l’ardore dei passi dei discepoli del tango, il gallo, annoiato dalla nostra musica, caricava le sue note più forti per mandare i ballerini a dormire.

Uomini e animali hanno trovato il modo di ricaricare le batterie oramai esauste dalla solita vita quotidiana. Chi ballando e giocando in piscina, chi scorrazzando in campagna o rotolandosi sull’erba.

Credo di non avere mai ballato così bene in tutta la mia vita, perchè non ho ballato, ho respirato insieme ad altre anime, ho sudato con loro, ho fuso sensazioni: gioia, allegria, sorrisi.

Una maratona difficile da raccontare a parole, così tanto emozionante, intensa, piena di energia e di colori.

Dopo questa esperienza, ho capito quanto abbiamo tutti bisogno di tornare alla “terra”, di liberarci dalle pesantezze della nostra solita vita convulsa. Di fare l’alba emozionandoci nello scorgere la nascita delle prime luci.

In tutto questo, il corpo ha suonato musica insieme all’anima e il tango si è manifestato nella sua piena essenza. Puro e libero.

Un godimento.

Ringrazio pubblicamente Cristina e tutti i suoi preziosi collaboratori per questo grande regalo che porterò con me, per sempre.

VI ❤

Pimpra

 

IMAGE CREDIT: PIMPRA_TS

 

 

 

 

Annunci
Lascia un commento

9 commenti

  1. Pinzalberto

     /  8 luglio 2014

    Smutandate sulle balle di fieno, sembra un film di Tinto Brass… 🙂

    Mi piace

    Rispondi
    • Ahahahah e chissà se erano smutandate… non lo credo proprio. La paglia pizzica da matti, anzi fa proprio male… 🙂 e poi, con il caldo che faceva…. si ballava in costume, quindi, con le mutande! 😀

      Mi piace

      Rispondi
      • Pinzalberto

         /  8 luglio 2014

        Ehmmmm, in costume? Cioè, ballavi avvinghiata a un tizio ignudo con il coso in vista? Magari con spalle e petto pelosi e un po’ sudaticci calzando le tue amate infradito maschili? Ahahahah….voglio vedere le foto!!! 🙂

        Mi piace

      • Diciamo che non ho mai ballato ocn soggetti che descrivi tu… cmq, sì eravamo tutti piuttosto poco vestiti e, spesso, in ciabatte di gomma…. :-O

        Mi piace

      • Pinzalberto

         /  8 luglio 2014

        Ho sempre praticato attività che non prevedessero una controparte femminile e me ne sto pentendo sempre più….

        Mi piace

      • Fai ancora a tempo a rimediare..suvvia… 😉

        Mi piace

  2. Mauro Tango

     /  21 luglio 2014

    Tutto magico … e le tue parole riescono a rendere cosa è potuto essere…

    Mi piace

    Rispondi
  1. THELMA SENZA LOUISE | PARADITA

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: