Annunci
Annunci

CONOSCI TE STESSO

gnozi

Ricordo perfettamente la lezione di filosofia del compianto professore che, il solo, all’epoca credette nelle mie capacità di pensare. Pace alla buona anima del prof. Roberto Calafati che mai dimenticherò.

Ho ancora davanti agli occhi il suo sguardo triste quando, conclusa la maturità, gli dissi che no, non avrei studiato filosofia ma lingue. Fu veramente dispiaciuto e me lo disse.

Ci sono persone che non si dimenticano e, nella mia formazione giovanile, un posto lo detiene per sempre il mio amato professore. Che all’epoca, in verità, non sapevo di amarlo, l’ho scoperto poi.

Burbero, per nascondere una grande timidezza, sempre vestito con una giacca/maglione blu, marinaresca e di ottima fattura. Per tutti gli anni del liceo. La sua divisa esistenziale, direi, la sua armatura verso il mondo e verso di noi, suoi giovani e spensierati allievi ben poco attenti alle sue lezioni di storia e di filosofia.

Lo vedo ancora camminare intorno all’aula, la mani conserte dietro la schiena, una voce pastosa frutto delle centinaia di sigarette fumate, mentre dissertava su Talete o su Hegel. Un piacere, per me, che mi perdevo nei suoi ragionamenti e annotavo, ligia, gli appunti.

La filosofia mi piacque da subito, rimasi affascinata dalla dialettica del pensiero che, nel corso dei secoli, distendeva i suoi ragionamenti sui massimi sistemi. La filosofia non si memorizza, si vive sulla propria pelle, entra a far parte della nostra vita come una trancia di DNA.

Ricordo l’illuminazione esistenziale del celeberrimo motto iscritto nel tempio di Apollo a Delfi, quel “Conosci te stesso” che, ora come allora, mi accompagna nella vita.

In questa ricerca, come Diogene, sperimento ogni sorta di sistema per andare più a fondo, nei meandri di me, e provare a comprendere me stessa e il mondo.
E, la sfida più grande, cercare di imparare dalla serie infinita di errori che ho fatto fin qui.

Ieri il mondo era grigio. Oggi ho armato la mia conoscenza di “prospettiva”, di “visione laterale”, di “bisogno costruttivo”. I colori sono tornati.

Amen.

Pimpra

Annunci
Articolo precedente
Articolo successivo
Lascia un commento

12 commenti

  1. Mi viene da dire: “non ci sono più i professori di una volta”! Io francamente non ho nessun ricordo positivo dei miei professori delle superiori. E’ sempre bello quando qualcuno crede nelle tue capacità, e incoraggia i tuoi ragionamenti in modo libero e costruttivo!

    Mi piace

    Rispondi
    • A ripensarci, ci sono alcuni profesori del liceo che ricordo bene. Taluni con piacere, come il prof. di filosofia, altri con “terrore”… di certo, però, un segno su di me lo hanno lasciato…
      🙂

      Mi piace

      Rispondi
  2. i colori tornano sempre, se li sai trovare dentro 🙂

    Mi piace

    Rispondi
  3. Pinzalberto

     /  23 gennaio 2014

    La mia Pimpra colta. Non vorrei sembrare ripetitivo, ma la cultura è come la verdura, fa schifo! La fisolofia è per me un semarofo rosso, preferisco il cinema!

    Mi piace

    Rispondi
    • Pinza, non sono colta, magari… però la verdura mi piace ASSAI… 😉

      Non puoi dirmi che la cultura fa schifo, perchè non ti credo. La filosofia può non essere nelle tue corde, e ci sta tutta, ricorda che anche il cinema, però… ne attinge… 😉

      Mi piace

      Rispondi

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: