Annunci
Annunci

SMARRIRSI DENTRO A UN #SELFIE

Trieste

A voi accade mai di sentirvi improvvisamente “fuori asse” (e non mi riferisco alla ricerca del sublime equilibrio del corpo mentre danza) quanto piuttosto alla dimensione dell’anima, al comportamento, al modo di percepire la vita e noi stessi?

A me un sacco di volte. Sarà per la mia natura sanguigna e impulsiva, per l’energia che metto nelle cose, o, semplicemente perchè sono fatta così…

L’ultimo forte squilibrio percepito è recentissimo e riguarda l’uso smodato di tecnologia, il legame indissolubile alla rete e a tutte le sue dipendenze.

Parliamo di immagini.

Ne divoro quintali ogni giorno. Mi ci abbuffo, come davanti a un banchetto delle ghiottonerie più deliziose per il mio palato. E non mi limito a questo – purtroppo – condivido gioia e passione con gli altri.

Fin qui.

Il dramma orgina quando, nelle onde di pixel colorati, invece di fermarmi a riflettere, metto me stessa dentro questa caldaia infinita di tutti e tutto, facendomi prendere impunemente dal demone.

Oggi, il mostro narcisistico che si è impossessato di me, di noi, sono i selfie. Immagini autoprodotte e condivise nell’etere con anime che, bontà loro, ne farebbero volentieri a meno.

E mi ritrovo come una adolescente fuori tempo massimo a condividere parti di me assolutamente inutili, sicuramente gratuite e, di conseguenza inappropriate.

Per fortuna, nel bombardamento colorato dei pixel dello schermo del pc che mi accompagna per tutto il giorno, si attiva anche quel solo neurone che mi rimane in testa e  che mi fa recedere da questa sorta di demenza adolescenziale che non mi appartiene.

Ed ecco che, fortunatamente, le immagini tornano a regalare solo paesaggi, momenti di una vita anonima, nel tepore di un pomeriggio primaverile.

… e per oggi “sono salva”… 😉

Pimpra

IMAGE CREDIT: PIMPRA_TS

 

Annunci
Lascia un commento

11 commenti

  1. antigonewoland

     /  8 aprile 2014

    beh basta non esagerare… senza essere troppo rigidi… magari evitando pose scontate ma mostrandosi magari in situazioni carine…o particolari (come la tua foto col cappello da uomo e la camicia, che mi piace un sacco :-)) o boh… insomma. distinguersi dalle bimbominkia.

    insomma credo che donare parti di se gratuitamente non sia un male se non si oltrepassa un certo limite, ecco. quindi stai tranqua…

    (ps non è un male avere qualche volta un’animo giovane secondo me, l’importante è non essere infantili nell’atteggiamento)

    Mi piace

    Rispondi
    • Cara Antigone, tu mi vuoi TROPPO bene! ❤

      Il (mio) problema esce quando mi viene difficile percepire la linea di demarcazione tra bimbomikia/demenza senile… capisci a me… 😉

      Quindi, pur mantenendo l'animo "giovane" è bene che mi "astenga"… 🙂

      Mi piace

      Rispondi
  2. Io sono contrario alle foto personali in rete …..attenzione, non credo sia il “grande demonio”, ma il web è frequentato anche da un sacco di dementi, che non saprai (per ben che ti vada) quale uso faranno delle tue foto. Dammi pure del paranoico (io dico prudente), ma non lascio mie foto in rete …..e vada pure per i paesaggi (altrimenti come avrei fatto a riconoscere la costa??) 😉

    Mi piace

    Rispondi
  3. eh capita spesso di “disassarsi” ma in fondo + solo un nuovo punto di vista da cui osservare il mondo 😉

    Mi piace

    Rispondi

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: