Annunci
Annunci

UN MONDO DI MERDA

Mendicante-ginocchia-memoria_540 Stamattina, ancora completamente immersa nei recenti sogni notturni, mentre percorro i pochi metri mancanti all’ingresso in gabbietta, vedo, ancora, una donna, mia coetanea, accovacciata a terra, con un fazzoletto in testa e un piccolo cestino di vimini davanti a sè, mentre aspetta che qualche passante le dia qualcosa.

E’ quasi “invisibile”, nel senso che la logora giacca blu che indossa (anche d’estate) la mimetizza pressocchè completamente con l’asfalto che la ospita.

Vedendola la prima volta, mi sono chiesta perchè non cercasse una posizione dove fosse più “visibile”.

Le ho dato più volte denari. Non so resistere alla tristezza e al vuoto di certi sguardi, a certa condizione in-umana.

Quando non c’è, mi chiedo dove sia finita. Lei non è di quei poveri insistenti, questuanti, lei è il Silenzio.

Stamattina l’ho rivista.

Tra me e me ho pensato che non ho il potere di risolverle la vita con i pochi euro che sono in grado di lasciarle.

Ho proseguito e sono entrata dal “gioielliere” (il fruttivendolo più caro della città), dove ho acquistato una mela. Di lì a qualche passo avrei speso € 3,5 di cingomme, droga che mi serve per sopravvivere alle mie quotidiane frustrazioni in gabbietta.

Mi sono fermata dopo due passi, dietrofront, e sono rientrata dal gioielliere. Ho deciso di offrirle del cibo, non qualche misero euro, e così ho fatto.

Passandole davanti, le ho lasciato il pacchettino di frutta, i suoi occhi si sono illuminati e mi ha ringraziato tantissimo.

Non mi sono sentita bene, nè un essere umano migliore. Affatto. Nè, tantomeno, ho pensato di avere ottenuto un piccolo “credito” per la mia anima, all’induista maniera.

Sono entrata nel tabacchino e ho acquistato ciò che dovevo.

Pimpra

IMAGE CREDIT DA QUI

 

Annunci
Articolo precedente
Articolo successivo
Lascia un commento

16 commenti

  1. offrire cibo penso sia sempre la cosa migliore… i soldi dove mai finiranno? ❤

    Mi piace

    Rispondi
  2. Pinzalberto

     /  20 novembre 2014

    Senza lavoro che fine faremmo? Procacciarci il cibo ormai è vietato, coltivarcelo…. dove? Rimangono solo elemosina e furto.
    P.s. sono 2 settimane che non entro dal tabaccaio…….

    Mi piace

    Rispondi
    • … Non ho la risposta…

      Ps hai smesso di fumare? 🙂

      Mi piace

      Rispondi
      • Pinzalberto

         /  20 novembre 2014

        Smetto due volte all’anno, diciamo che è come una dieta. Rimango un mesetto senza fumare e poi riprendo a consumare quel pacchetto a settimana circa. Sono poche ma non riesco a togliermele! Ma tu fumi?P.s. In vacanza arrivo anche a 6-7 sigarette al giorno.

        Mi piace

      • Tra le varie dipendenze 🙂 a cui sono andata soggetta, quella del fumo, per mi afortuna, non l’ho presa mai… nonostante genitori tanto tabagisti, o , forse, proprio per quello… 😉

        Mi piace

      • Pinzalberto

         /  20 novembre 2014

        Saggia donna…. in effetti darebbe un po’ fastidio ballare con qualcuno puzzolente di nicotina….

        Mi piace

      • non solo puzzolente di nicotina… ;-)))

        Mi piace

  3. Teacher

     /  20 novembre 2014

    La domanda che mi pongo sempre io è se è mendicare o sfruttamento…
    Perciò da me, mai niente.. I poveri non fanno elemosina.

    Mi piace

    Rispondi
    • Io, a “certi” sguardi, non so resistere e, comunque, seguo ciò che sento in quel momento… si tratta, comunque, di esseri umani….

      Mi piace

      Rispondi
  4. antigonewoland

     /  21 novembre 2014

    io non lascio nulla e preferisco semmai condividere del cibo. In compenso ho recentemente cominciato a girare per il mercato di porta palazzo in chiusura per raccogliere la frutta e la verdura scartata…magari non è bella come quella sui banchi, qualche ora prima, a volte ha delle parti guaste ma quelle si tolgono (esattamente come quando si formano nel nostro frigo) ed è gratis. Mi sono fatta una super mega peperonata e con la frutta un bel frullato.

    Assieme a me c’è tanta gente che raccoglie, spesso gli stessi titolari del bancone ci danno la cassetta preparata con gli scarti ancora buoni ma che loro non possono più esporre.

    Non mi vergogno, credo invece che dovrebbero vergognarsi coloro che permettono tutto questo spreco, e non solo di verdura e frutta ma anche di carne…quanta carne viene buttata anche se ancora buona ma non più a norma di legge? Una quantità che potrebbe sfamare un’esercito. Tutto quello che vedo sprecato potrebbe offrire a migliaia di persone che non possono nemmeno mettere insieme un pasto decente al giorno la possibilità di mangiare quanto basta e in maniera sana.

    La macellazione industriale degli animali è un tema che condivido appieno con chi sceglie di non nutrirsi di animali o addirittura di qualsiasi cosa discenda dagli animali. E in generale questi sprechi mi fanno imbufalire…soprattutto quando sai che c’è tantissima gente che non ha da mangiare.

    Non credo che poi vi sfuggano le conseguenze di una dieta povera di nutrienti fondamentali per la nostra salute come verdura e carne. Quasi sempre (e lo dico perchè ci sono passata) è una dieta ad alto contenuto di carboidrati e zuccheri. Cibi che riempiono…una carica immediata di energie.

    Poi ci sono persone come mia madre che a sentire di questi tour a ravanare nella spazzatura, storce il naso. Proprio lei che sin da piccola mi ha sempre fatto grandi ramanzine sullo spreco, in particolare del cibo. Ovvio, lei non lo spreca nemmeno ora tuttavia…quello che faccio è da barboni…

    Mi piace

    Rispondi
  5. Antigone cara, ti auguro, di tutto cuore, che tu possa, prima possibile, poterti permettere la spesa al mercato… Viviamo in un momento davvero difficile e, a parere mio, non c’è nulla di cui vergognarsi nella “spesa” di fine giornata.

    Relativamente agli assurdi sprechi, sono in totale accordo con il tuo pensiero!

    Mi piace

    Rispondi
    • antigonewoland

       /  22 novembre 2014

      ancora me la posso permettere…almeno un minimo, tuttavia se so che c’è tutta questa roba che si butta e si potrebbe mangiare perchè non aprofittarne? Buttare via il cibo che si può ancora consumare è uno dei peggiori peccati, secondo me. Ma si era capito. 🙂

      Liked by 1 persona

      Rispondi
      • Pinzalberto

         /  25 novembre 2014

        Una collega di mia moglie ci porta ogni lunedì la frutta e la verdura che il suo fruttivendolo di fiducia le regala il sabato prima al mercato. Sono tutti quei prodotti ormai poco vendibili ma ancora commestibili che normalmente gettano nei cassonetti. Uno spreco incredibile!!

        Mi piace

      • Concordo sullo spreco!!!! Siete fortunati ad avere un fornitore così…

        Mi piace

  6. pier luigi

     /  21 novembre 2014

    SI…….mi ricordo di una donna così…..in un giorno di festa di novembre, alcuni anni fà……..me ne ricorderò sempre. Anche perchè l’ho messo nero su bianco. Lo leggerai.

    Mi piace

    Rispondi

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: