Annunci
Annunci

E FU VIA DELL’UNIVERSITA’

Uno dei periodi più belli che ricordi è stato senza dubbio quello in cui andavo all’università.

Mi piaceva tutto, l’indipendenza nell’affrontare lo studio, le materie, i personaggi che incontravo, e – elemento non trascurabile- il quartiere della città dove sorgevano gli edifici.

La Facoltà di Lettere e Filosofia ai miei tempi occupava per intero la via dell’Università a cui dava il nome.

Un luogo magico, carico di storia, di vissuto e di pensieri, frequentato dalle piccole-medie e grandi “intellighenzie”.

A spezzare l’uniformità degli istituti che vi si affacciavano, il bar “Vecchia Università”.

Il luogo più orripilante  da un punto di vista architettonico, più insano, con gli arredi più squallidi io abbia mai visto eppure, amatissimo, venerato, imprescindibile.

Sono stati anche anni duri, per me emotivamente violenti, a causa di un lutto disumano che proprio in quegli anni ho vissuto. Eppure, nonostante tutto, non cambierei una sola virgola di quello che è stato.

Oggi, sono tornata per lavoro negli amati luoghi, e, con una ineffabile tristezza, ho scoperto che praticamente tutta la Facoltà è stata trasferita altrove.

Le facciate dei palazzi spente, tristi, senza vita. Il nuovo bar vuoto, anche se molto più bello di prima ma privo d’anima e… della coltrina irrespirabile di fumo di sigaretta, marchio esclusivo del baretto ai miei tempi.

Ho parlato con  il titolare chiedendogli che fine avessero fatto tutti gli studenti ed egli mi ha risposto che non ce n’erano quasi più.

Che tristezza, che profonda e letale malinconia.

E’ stato come andare in visita a un caro defunto, al cimitero. Solo che io non sapevo che la persona fosse morta.

Che colpo.

Sono queste le cose che, una volta in più, mi mettono inesorabilmente di fronte al tempo che passa e non torna.

Quindi, lo ripeto ancora una volta, godiamo il presente!

Pimpra

Annunci
Articolo precedente
Lascia un commento

1 Commento

  1. antigonewoland

     /  13 novembre 2012

    occazzo, come ti capisco sebbene ho avuto un’esperienza del genere ma molto molto diversa tre anni fa. Il pratica si era con due amici a milano…vicino al quartiere e la casa dove ho vissuto sino a 18 anni (periodi molto intensi pure quelli). Bonci…dico, daje passiamo dalla mia vecchia casa…e passiamo. Impatto stranissimo: mi sembrava tutto più piccolo. si come se in realtà quel quartiere l’avessi visto solo nella mia infanzia…ma no, a 18 anni avevo già assunto le fattezze da marcantonia che ho adesso quindi…boh…
    Per il resto è sempre stato un quartiere piuttosto tranquillo. Ma vedere tutto più piccolo è stato qualcosa che non mi aspettavo. abbastanza scioccante. Comunque hai descritto benissimo la sensazione del bar squallido ma vissuto vs bar nuovo e anonimo….

    concordo.

    Mi piace

    Rispondi

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: