SEX SYMBOL

Al bancone della usuale Torrefazione per il caffè che ha il compito di tenermi sveglia, operativa e ricettiva, dopo la pausa pranzo delle 13.00.

Sono, stranamente, da sola. Il bar è quasi deserto, la clientela rubata dai concorrenti con le sedie e i tavolini all’aperto, è primavera, il sole sorride e l’aria è decisamente molto più tiepida.

Rimuguino la mia mattinata, le cose che ancora mi aspettano in questa lunga giornata, sono completamente assorta.

La giovane ragazza dietro al bancone mi chiede se voglio il solito, ed io, meditativa come sono, mi limito ad un cenno del capo ma qualcosa ruba la mia attenzione.

Entra un uomo, non lo distinguo perfettamente, è in controluce, ma mi accorgo molto bene della reazione della giovine ragazza che diventa rossa.  Faccio più attenzione, è straordinariamente bello, così alto e longilineo, vestito in modo elegante seppure informale, non ha un solo pelo fuori posto.

Fa la sua ordinazione scegliendo di avvicinarsi a me, anche se il bancone vuoto del locale gli permetteva uno spazio molto più intimo, solo suo. Ordina lo stesso caffè che prendo io, in modo molto gentile. Ha una bella voce calda.

Non sono una di quelle donne che danno soddisfazione ai belli, non mi piace guardarli, perciò, distolgo subito lo sguardo.

Mi diverto invece ad osservare la reazione della “cucciola” che ci serve il caffè, si muove veloce (cosa per lei molto inusuale) ed è tutta rossa quando porge la tazzina al bel tipo che, consapevole di tutta la sua portata testosteronica, la guarda con occhi gentili e le sorride.

Mi godo la scena e valuto il potere immenso della bellezza, del fascino. Non deve essere sempre facile da gestire, gli occhi di tutti addosso anche quando non si ha voglia di essere guardati, il dovere di invecchiare bene, la responsabilità di portare in giro i doni di dio usandoli – possibilmente – in modo responsabile.

Il caffè è finito e mi accingo a pagare ma l’uomo, al quale non avevo mai rivolto la parola, chiede se può offrirmi lui il caffè, è di passaggio in città e desidera celebrarne la bellezza “Trieste mi ha stregato, mi permetta di offrirle il caffè per rendere onore a tanta bellezza”.

Affascinante fino in fondo, garbato e gentile. Un po’ arrossita anche io, l’ho guardato sorridendo, dicendogli “Trieste ringrazia”.

Un incontro da film, in un tranquillo giovedì di marzo.

Pimpra

Articolo precedente
Articolo successivo
Lascia un commento

20 commenti

  1. sei una sciupa-uomini 🙂

    "Mi piace"

    Rispondi
  2. tino71

     /  22 marzo 2012

    Elegante e garbato, ma il sex simbol è lui o tu???
    difficile vedere un bell’uomo, molto più facile vedere un bella donna soprattutto a Trieste.
    Nella foto di Valentino (splendido nome…) ho notato la calligrafia, STUPENDA, rimpiango i tempi in cui a scuola si insegnava “asta e filetto” la calligrafia dei ragazzi è incomprensibile!
    tino71

    "Mi piace"

    Rispondi
    • Ma come??? Che cosa c’entro io con il sex symbol???? ma scusa, non si capisce che è il signore elegante e garbato per cui la cucciolotta si sdilinquiva??? il caffè lo ha offerto alla più vecchia, come prevede la più alta cavalleria!!! 🙂

      Si, bella calligrafia, anche questo, abbiamo preso… 😦

      "Mi piace"

      Rispondi
  3. tino71

     /  22 marzo 2012

    Sì, si capiva che il sex symbol era l’uomo. Un uomo galante, frase un po’ da film uno deve essere davvero “figo” per potersi permettere di dire certe cose altrimenti sai che risate!
    Bisogna tornare ad usare la stilografica alle elementari e pagine intere di letterine, altrochè progetti del cavolo.

    "Mi piace"

    Rispondi
  4. antigonewoland

     /  23 marzo 2012

    Io ho una watermann comprata esclusivamente per poter scrivere sulla mia moleskine.
    a parte questo io credo che il dovere di ciascuno, bello o brutto che sia, sia di volersi bene. Credo che se ci si vuole bene, molta bellezza che magari non è esteriore, viene fuori da dentro. Credo che se ci si vuole bene anche in campo di vestiario si crea il proprio stile su misura e non si seguano le mode (i giovani d’oggi – e non solo, anche tra i miei coetanei – tino non solo scrivono male ma si vestono anche peggio…seguendo il branco.) vestiti che quindi portano in primo piano i nostri pregi. se si sta bene con se stessi, va tutto bene, ed anche se va male, è solo un periodo 🙂
    se ci si vuole bene ci si può permettere il lusso di essere gentili, galanti e cavallereschi. 🙂

    "Mi piace"

    Rispondi
    • Ahahhhh vedo che abbiamo un’altra amica patita di stilografiche! benvenuta nel club! io sono una grande amante/collezionista! 🙂
      Volersi bene a volte è una delle più grandi sfide con noi stessi, certo che se la vinciamo la vita acquista un sapore così gradevole che, nulla e nessuno, possono toglierci!

      Sul vestiario mi trovi completamente d’accordo!

      ps mi piace la tua vena positiva! vai così! 🙂

      "Mi piace"

      Rispondi
      • tino71

         /  23 marzo 2012

        antigone hai ragione! Se uno si vuole bene e si piace piacerà anche agli altri più facilmente. Certo poi la bellezza è un dato indiscutibile ma ognuno può valorizzare le sue caratteristiche. Anch’io uso la moleskine con una aurora la carta non è il massimo ma passabile. Prima o poi mi compro la mont blanc

        "Mi piace"

  5. La moleskina non è precisamente adatta alla stilo, carta troppo sottile e assorbnete, l’inchiostro passa oltre e macchia un po’ ma… essendo oggetto di culto o si sceglie la pagina o la stilo… 🙂

    Mont blanc, usata, proveniente da Singapore: una goduria! chissà cosa avrà scritto nella sua vita, prima di diventare mia… sai le storie che potrebbe raccontare…

    "Mi piace"

    Rispondi
    • tino71

       /  23 marzo 2012

      cantami o musa una valida alternativa alla moleskine. La tua mont blanc ha una vita da raccontare, ha un’ anima.

      "Mi piace"

      Rispondi
      • Per esempio imitazione della stessa moleskina, ma la cosa migliore da fare, secondo me, è andare “a palpo” la carta giusta, la senti tra le dita, va toccata, annusata, delicatamente soppesata… insomma, come farci all’amore… 😉

        Tanti oggetti in mio possesso avrebbero delle storie bellissime da raccontare… è il tempo che manca… 🙂

        "Mi piace"

  6. antigonewoland

     /  23 marzo 2012

    mah io con la mia moleskine, con la waterman, mi ci trovo bene 🙂

    "Mi piace"

    Rispondi

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

  • Pimpra su Instagram

  • TAG

    2013 2014 2015 2016 abbraccio amiche amici Amici e amiche amicizia amore Amore Andar per maratone Andar per Milonghe Anima anno nuovo vita nuova anta e ribalta attimi Attimi belli Attualità Bel Paese blog blogger CARATTERE cazzate cronache dal mondo panda dare tempo al tempo Dillo alla zia Pimpra di tanto in tango Donne e valigie emozioni fine settimana Friuli Venezia Giulia gabbietta immagini incontri i saggi consigli di Nonna Papera Italy Lavoro milonga momenti mondo panda Mondo Panda mondo tango Natura pausa pranzo pensieri pensieri leggeri pensieri sparsi pensiero positivo PERSONALITA' Pimpra milonguera riflessioni RISVEGLI Salute e benessere Senza categoria Società e costume Sport sticazzi STICAZZI storytelling Tango Tango argentino tango marathon Tango milonguero tango trotters tanto tango Trieste Uncategorized uomini e donne vecchiaia in armonia Viaggi viaggio Vita di coppia vita moderna vita sui tacchi a spillo
  • Archivi

  • ARTICOLI SUL TANGO

    Se cerchi gli articoli che parlano di tango cerca "di tanto in tango" nel banner TAG o fai la ricerca nel bannerino CATEGORIE
  • I post del mese

  • LA TRIBU’

  • Pagine

  • Categorie

  • Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: