Annunci
Annunci

DATA DI SCADENZA.

L’anno prossimo sarà uno spartiacque piuttosto importante per me. L’inizio di una nuova fase della mia vita di donna.

Non credevo che una cifra potesse procurarmi tanto pensiero, smuovere emozioni grandi e, non sempre, positive. Ma tant’è.

Ho imparato ad ascoltarmi e a stare in silenzio, senza disperdere la mia voce interiore, anche quando quello che mi racconta, mi provoca grande turbamento.

La data di scadenza.

Il problema che sento è questo. Arrivata a questa tappa importante della vita, in cui, a ben pensare, c’è l’illuminata presa di coscienza della propria identità di essere umano, del proprio percorso, di ciò che si è diventati, proprio adesso mi risuona forte una nota stonata che confligge con il resto: oramai sei “scaduta”. La traduzione è “vecchia”.

Sto vivendo una accesa battaglia interiore.

Una parte di me tira un sospiro di sollievo godendo del panorama esistenziale che- finalmente- i miei occhi sono in grado di percepire.

L’altra parte di me, purtroppo, continua a cantarmi questo ritornello “sei vecchia”.

L’importante è trovare pace, è quello che cerco, ma desidero capire se è normale ed è capitato a tutte le donne di vivere questa età di passaggio con iniziale conflitto.

Lo dico: voglio godermela, apprezzare ciò che sono, con la leggerezza di potermi concedere un sacrosanto “sticazzi” quando mi va. Libertà di essere me, senza preoccuparmi di “dover essere” qualcosa di diverso. Nel bene e nel male. 

Allora perché questa sensazione che le opportunità non si presenteranno più, che tutti i treni della vita sono già passati, che oramai resta poco da fare, da dire, da vivere?

Scollinare nella dolcezza dell’età che vedo verde che è il colore dell’erba che profuma di buono, dove è bello appoggiare i piedi, deve essere una piacevole passeggiata.

E’ un età “verde” perché è risolta, non ha bisogno dell’energia del fuoco per esprimere la sua esistenza.

Ci arriverò, sarà questa la partita da giocare per dire al mondo che ha davvero rotto i coglioni con il mito della giovinezza. Non sono più giovane, è dato certo, ma ho scoperto la miniera più preziosa, quella delle gemme nascoste che si trovano dopo aver scavato a lungo.

Non accetto l’idea che la donna viva con una (o più) date di scadenza. Noi siamo come il buon vino, il tempo ci conferisce carattere e intensità. A coloro che sanno apprezzare andrà il nostro magico bouquet.

Amen.

Pimpra

IMAGE CREDIT DA QUI

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: