TUTA BLU

Una sfortuna dopo l’altra e mi ritrovo con i potenti mezzi guasti. Scooter malconcio per un freno che si è rotto, macchina azzoppata con ruota a terra.

Ovviamente devo andare in trasferta per lavoro e non posso permettermi di avere il mio parco motori che non sia in perfetto stato.

UN DISASTRO.

A ciò va aggiunto che:

– sono donna –> soggetto perfetto per essere preso in giro da maschi_maschi in “tuta blu”

– sono bionda –> eleva a potenza quanto sopra

– non ho mai tempo –> quindi non ho fornitori di fiducia

– davvero_davvero di motori non ci capisco un cippa–> quintuplica gli effetti collaterali del punto di cui sopra

EPPURE…

Sotto una pioggia imbestialita arrivo dal mio benzinaio di fiducia e lui, quello più bello, si avvicina per farmi il pieno. Sorrido e chiedo “Senti ma… ho finito l’acqua del tergicristalli e…” risponde, da vero maschio, “apri il cofano”, “subito!”

Mi avvicino al cruscotto, comincio a palpeggiare in basso a sinistra dove, sulla 500, trovavo la leva per aprire e … non trovo nulla. “Maledetti francesi” penso tra me e me, il baldo giovane mi guarda, l’occhio azzurro con una scintilla di ironia, prova a darmi le coordinate per trovare la leva.

Niente da fare.

Arriva lui, sempre tranquillo, mentre comincio a sentirmi una decerebrata e… zac apre il cofano. “Come ti dicevo, in basso a sinistra…” e  sorride ancora.

A cofano aperto, lo avvicino e, guardando il motore, faccio “Oooohhh” ma… qual’è il contenitore dell’acqua che stiamo cercando? e, il gentile benzianio, lo indica.

Già che ci sono chiedo dell’olio e dell’acqua del radiatore. E lui, con garbo e tanta pazienza, come si farebbe con i bambini di 3 anni, mi mostra le parti del motore e  le controlla. La macchina è a posto.

Nel frattempo  diluvia sempre di più.

Lo guardo e gli faccio vedere la gomma esausta… “Mi sembra di capire che dovrò bagnarmi”  sorride. Sposto la macchina, prendo l’ombrello come fossi una paddoc girl e con gran zelo cerco di proteggere il gentil benzianio mentre gonfia i pneumatici.

“Senti ma…come ti chiami? devo sapere il nome del mio angelo custode, senza il tuo aiuto ero persa!”, alza lo sguardo e risponde “Ho il nome più bello del mondo!” ed io “Di sicuro! Ovviamente… e come se no… e quale sarebbe?”, “Luca, mi chiamo Luca” , “Ahhh sì, un nome straordinario! ecco Luca, per te, per il tuo disturbo”.

Non ne voleva sapere della mancia, ho dovuto lottare parecchio per lasciargli la banconota in tasca.

“Luca, abbi pazienza che ci vuoi fare, sono bionda…” e lui, guardandomi gentile con i suoi occhioni azzurri, ha risposto “Lo so, lo so”.

Epperò che meraviglia quando capita di incontrare un maschio_maschio al quale poter chiedere aiuto…

Pimpra

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: